Il cuore divino e umano di Gesù, chiave di ogni cosa

Mese: Novembre 2022

La grazia è per sempre (estate di San Martino)

Clero: quale rapporto con le gerarchie?

È la vita che canta

È la vita che canta

È la vita che canta
volevo ascoltarla,
è la vita che canta,
volevo riamarla.
E scrivevo veloce.
La notte nel silenzio
le parole come semi
gemmavano da sole.
Ed io mi destavo un istante
a fermarle nel cuore.
O nei giorni d’estate
quando il sole imprigionava
in casa qualche
tempo di quiete
e la strada appariva
scintillante deserto
perso nella luce.

La via del reale assorbimento del Vaticano II

Le filosofie soggiogate dalla tecnica e la via del futuro

Semi di Maria per questi secoli

Ascoltate guide, sto dicendo un’altra cosa

La grazia e la mera etica

La macchina del tempo

La grazia di bussare, bussare, bussare, alla porta del paradiso

Ognuno ha il suo graduale e personale percorso.
Ma se Dio ti fa la grazia di corrergli incontro:
Vai dritto come un treno, fai i salti mortali per stare dove ti vuole lui, non ti fare ingannare da scoraggiamenti, capricci, ansie, emozioni, cerca la vera profonda e serena crescita prima di tutto. Pensa sempre a cosa faresti se dove ti vuole Dio trovassi miliardi di euro, la migliore fidanzata per te, la salute assicurata, il lavoro preferito e ogni altro bene per te e per tutti. Non supereresti ogni difficoltà? Gli attaccamenti rendono più lento il cammino. Se è Dio che ti dona un passo più graduale lui ha sempre il meglio del meglio per te. Ma se puoi evitare di cincischiare corri, corri, corri, dove solo troverai sempre più ogni risposta. Vai come un treno, nessuna confusione interna o dall’esterno rallenti o devii il tuo passo. Bussa bussa bussa alla porta del Paradiso.
https://youtu.be/rm9coqlk8fY

Luci nella via

Vie tendenziali della crescita

Una via nuova e feconda a tutto campo

Il pregare della sera

La fede ridotta a politica

Letture messa defunti

Gesù guarisce anche la psicologia

La determinante questione di una vera sinodalita’

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén