L’Amore che libera

Solo la luce dell’amore sereno, a misura, guarisce, dà vita. Cinque pani e due pesci. Non fare chissà che cosa ma cercare di vivere ciò che la grazia fa maturare, in un percorso ben al di là degli schemi, verso il pieno, personalissimo, compimento del vangelo in me. La fede e’ lasciar operare Dio. Dunque non moralismi, risposte prefabbricate e su questa serena scia anche sempre meno complicazioni, ferite, paure. Riprendo contatto col mio cuore semplice, libero, nella luce che lo porta.

 

La strada si svela momento per momento, nella vita concreta, in contatto con gli altri. Non con progetti a tavolino che mettono in ansia perché magari smentiti dalla realtà. Né, in tanti casi, nella disincarnata assenza di piste maturate eppure sempre da riscoprire nel cuore di Dio. Cresce la fiducia in un Dio buono, che pensa a tutta la mia umanità, che desidera donarmi ogni bene. E non mi darà cose che mi fanno male. 

 

Dunque non intellettualismi, spirituali, psicologici, non pragmatismi ma amore a misura. Ognuno sul suo autentico, semplice, cammino. Anche un ateo, con i suoi tanti doni che magari io ancora non ho. Si ricompone l’umano, prima scisso, astrattizzato. Luce dell’amore a misura. Piccoli, naturali, liberi. Via di rinascita integrale. Il cuore che si lascia leggere dallo Spirito di Gesù, Dio e uomo, che scende come una colomba poi legge sempre più nel cuore degli altri, le loro vie, i loro bisogni. Nel cuore di ogni cosa. Nodi che si sciolgono, strade che si aprono. Olio sulle ferite, vino di vita, di speranza.

Precedente Sempre nuova scoperta dell'obiezione di coscienza Successivo Sentinella, quanto resta per il crollo?

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.