Il soffocamento della sincerità, dello Spirito, nella società globalizzata rischia di riuscire a spegnere tanta vita autentica. Pochi potenti dettano al mondo uno svuotante pensiero unico attraverso le logiche degli apparati, gli schematismi e le frammentazioni dello scientismo, il falso neutralismo dell’educazione e oggi di un incontro, anche nella scuola, senza libero sviluppo anche delle identità. 

 

Una società dove tanti sono spinti per lavorare a soggiacere ai voleri del pensiero unico rischia di estraniare ogni uomo da un’autentica, semplice, familiare, ricerca. Molte persone nella elite sono manipolate al punto di persuadersi della bontà di varie false giustificazioni al silenziamento della libera ricerca, condivisione. All’oscuramento e ancor prima al disinteresse per mille validi spunti innovativi che vengono dalla gente.

 

Rischiamo di correre verso il tracollo al fondo tecnicista, finanziario, della società senza che si possa muovere un dito. Dove costretti nelle citate dinamiche del potere, dove in varia misura spenti, isolati, da questa svuotante omologazione. Una prima scintilla salvifica dunque è proprio quella di pregare per una sincerità meno confusa da tante false motivazioni, al punto da non cercare nemmeno i margini entro i quali anche in una situazione di costrizione si può con prudenza, sano realismo, agire controcorrente. Facendosi strumenti e accoglitori del vero con il contributo di chiunque.

 

Gli effetti dello spegnimento di una libera, autentica, partecipazione il popolo li tocca concretamente in questa estraniazione da ogni autentica umanità, nell’isolamento di ciascuno e di qui nella precarizzazione fino allo schiavismo. Si farà in tempo a svegliare le coscienze prima che sia troppo tardi? Possiamo intuire sempre più profondamente le parole di Maria che da molto tempo sembra stimolarci alla preghiera, alla sincerità, alla semplicità, del cuore. 

 

Nella società dominata dalla comunicazione la liberazione può venire su queste essenziali scie dall’attenzione alla ricerca della comunicazione alternativa.